GEOMETRIA APPLICATA

Potevo essere
un ragazzo quadrato
che vive in una società
inquadrata
dove non manca il pane
e neppure il dessert
ma
sono uscito dalla quadratura
per vivere con linee
più vicine alla mano
che le ha tracciate.
Sono andato
nella routine dei punti
nell’armonia dei cerchi
nella mobilità degli angoli
dove si studia
l'area della notte
dove si inventa
la curva dell'alba
dove si usa
il compasso della fantasia
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *